Vivere lo Yoga – La dieta dell’Illuminazione

La scelta vegana – cioè la decisione di vivere senza usare i derivati animali, nell’alimentazione, nel vestiario, ecc. – viene fatta in genere per motivi di salute, per motivi etici e per salvaguardare l’ambiente. Ma qual è il punto di vista yogico per la scelta vegana?

Patanjali nei suoi Yogasutra dà delle chiare indicazioni per raggiungere l’illuminazione.
Essere illuminati significa realizzare l’unità di ogni cosa, di tutti gli esseri.

Gli esseri umani non sono superiori agli animali, ma semplicemente hanno più scelte.
Gli animali vivono in condizioni infernali a causa dell’essere umano.
Senza uno stato mentale di gioia e felicità, non è possibile raggiungere lo stato di illuminazione. In questo senso, noi priviamo gli animali della possibilità di raggiungere l’illuminazione.

Le direttive (Yama) di Patanjali sono:

Non ferire gli altri
Non mentire
Non rubare
Non abusare sessualmente
Non essere avido

Non ferire gli altri: Quando si smette di ferire gli altri, gli altri smettono di ferire noi. Tutti gli animali allevati per il consumo umano sono schiavizzati, feriti.

Non mentire: Mangiando carne o prodotti derivati dal latte, mentiamo a noi stessi quando diciamo che non abbiamo alternativa e che questo serve a farci sopravvivere.

Non rubare: Noi rubiamo dagli animali, rubiamo la loro vita, la loro capacità di muoversi all’aria aperta, di crescere i loro cuccioli.

Non abusare sessualmente: L’animale è abusato sessualmente nelle fattorie, nelle industrie, nei macelli,.. Sono inseminati artificialmente e violentati da mani umane,
Chi crede nei diritti delle donne, dovrebbe riflettere a quante femmine di altre specie sono abusate solo perché hanno il seno per dare latte o la capacità di produrre uova.

Non essere avido. L’avidità spinge ad accumulare, e spesso si uccidono gil animali per paura di non avere abbastanza risorse per il futuro. La stessa avidità che ha a che fare con l’uccisione degil animali, sta devastando le’cosistema e il pianeta.
La nostra avidità ha a che fare con la paura del futuro. In quanto non siamo nel presente.

Adesso è il tempo per essere radicali, rivoluzionari, anarchici, abolizionisti nel senso di smettere di ferire gli animali e fare loro del male, per cominciare a vivere e a godere la nostra vita. Fonte nonsoloanima.tv

La scelta vegana, cioè alimentarsi senza derivati animali, è fatta in genere per salute, per motivi etici o per salvaguardare l’ambiente. Ma qual è il punto di vista yogico? Sharon Gannon, pioniera nell’insegnamento dello yoga, ci spiega come questa disciplina non possa essere separata dalla compassione e dal rispetto per tutti gli esseri viventi. Continua nel video “Vivere lo yoga”

Vivere lo yoga. Conferenza di Sharon Gannon

Sharon Gannon L’insegnante yoga dei vip di Hollywood

Sharon Gannon

Vivere lo Yoga – La dieta dell’Illuminazione

Un libro per tutti coloro che vogliono praticare lo yoga, per i vegetariani e vegani e per tutte le persone che vogliono vivere con rispetto ed in maniera più consapevole

L’autrice, basandosi su approfonditi studi sulle tradizioni vediche e sul suo interesse nel campo dei diritti degli animali, ci spiega come la pratica fisica e spirituale dello Yoga è strutturalmente legata ad uno stile di vita “vegetariano“.

Se il praticante Yoga riesce a comprendere e metabolizzare questo stretto legame formerà un quadro di forte sintonia fisica e spirituale per una vita più sana.

Vivere lo Yoga sottolinea l’importanza della comprensione di Ahimsa, la pratica della non-violenza, come primo passo per sposare una scelta di vita Yoga.

Tutte le  azioni nascono prima sotto forma di pensieri, nello yoga la “perfezione dell’azione” deve provenire da un pensiero perfetto.

Che cosa è un pensiero perfetto? È un pensiero privo di desiderio egoistico, rabbia e odio; libero da crudeltà, dolore e ingiustizia.

Vivere lo Yoga - Libro
La dieta dell’Illuminazione

Jivamukti Yoga Pratiche per la liberazione del corpo e dell’anima.  Pratiche per la liberazione di corpo e anima. Sharon Gannon e David Life sono i creatori del diffusissimo Jivamukti Yoga – un affermato ed efficace metodo yoga che affonda le sue radici nell’antica saggezza e nelle scritture – e sono cofondatori della notissima scuola di New York in cui esso viene insegnato.

Questo è il primo libro che presenta il loro esclusivo stile di yoga in forma scritta. Jivamukti Yoga non si basa sul frazionamento delle pratiche ma, al contrario, rappresenta un tentativo di reintegrare gli aspetti fisici, psicologici e spirituali dello yoga ad uso dei praticanti occidentali.

Lo yoga è trasmesso agli allievi come pratica spirituale, e viene sempre ricordato loro che hanno intrapreso un viaggio mistico molto difficile verso l’illuminazione.

Jivamukti Yoga propone una formazione idonea a intraprendere proprio questo viaggio. Gli Autori spiegano il sistema intensamente fisico e spirituale di posture in sequenza, e offrono nel contempo insegnamenti pratici in grado di ispirare e guidare la preparazione.

A differenza di molti altri libri sull’argomento, Jivamukti Yoga non tratta solo delle posture fisiche, ma anche dei modi in cui esse si sono evolute (le origini della pratica negli antichi sacri testi sullo yoga e nelle tradizioni risalenti a 5000 anni fa), dei benefici psicoterapeutici apportati da una pratica costante e del potere spirituale che viene liberato quando l’energia fluisce ovunque, nella mente come nel corpo.

Jivamukti Yoga, che significa “liberazione dell’anima”, guida, corpo e anima, verso la libertà spirituale, la forza fisica, la pace mentale, una salute migliore e l’autorealizzazione, che rappresenta l’obiettivo finale di ogni pratica.

I cinque principi cardine che riassumono il percorso dello yoga verso l’illuminazione e che sono trattati in questo manuale completamente illustrato sono:

• L’Ahimsa – uno stile di vita non violento e compassionevole che attribuisce una speciale importanza all’alimentazione vegetariana su base etica e ai diritti degli animali

• Il Bhakti – il riconoscimento della realizzazione divina come obiettivo di tutte le pratiche yoga

• La Meditazione – per collegarsi con l’eterna e immutabile realtà che è dentro di noi

• Il Nada Yoga – lo sviluppo di un corpo e di una mente stabili attraverso l’ascolto profondo

• Le Scritture – lo studio degli antichi insegnamenti sullo yoga, compresa la recitazione dei mantra in sanscrito

Jivamukti Yoga
Pratiche per la liberazione del corpo e dell’anima

Facebook Comments

Precedente Il dado vegetale? Fattelo in casa! Più sano ed economico Successivo Sonnolenza e leucocitosi di kouchakoff